BELOTTI LUCA - 2

La parola al GM!

Ciao Luca! La stagione 19/20 è stata interrotta sul più bello, quando diversi gruppi stavano lottando per traguardi importanti come l’interzona o la corsa alla salvezza degli U18 in C-Silver. Anche se parziale, che bilancio si può fare?

Il bilancio è positivo anche se la mezza stagione può far pensare a qualcosa di incompiuto.

Per quanto ci riguarda storicamente la seconda parte del campionato è la migliore. I gruppi si consolidano, gli insegnamenti tattici diventano più fluidi nelle corde del singolo e del gruppo.

Le vittorie in C-Silver lo confermano ed eravamo lanciati verso una dignitosa salvezza, obiettivo secondario dopo la crescita tecnica dei singoli. Purtroppo, nell’U18 Eccellenza qualche passo falso a novembre ci ha quasi escluso dalle formazioni che si sarebbero qualificate alla seconda fase, la non determinazione di alcuni ha fatto il resto.

Appena il sipario è calato, avete iniziato subito a lavorare per preparare al meglio la stagione che verrà. Cosa ha in programma BluOrobica per il futuro?

Il futuro è già oggi. Appena ripartiranno i campionati ci ripresenteremo in tutte categorie Eccellenza possibili (penso che siano poche le società con un livello così alto) e confermeremo la C-Silver con una formazione ancora più giovane.

Inoltre, le molte richieste su alcuni giocatori già pronti per un’esperienza Senior o per i ruoli di crescita nelle serie A non potevano e non saranno rimaste inascoltate.

Nelle ultime due stagioni la Società ha investito anche nel reclutamento oltre i confini nazionali per cercare di trovare le pedine “mancanti” e per permettere ai ragazzi già in squadra di avere un percorso di crescita il più possibile adatto ad un futuro che punti al più alto livello possibile. Cosa ci puoi dire a riguardo?

La globalizzazione ha aperto mercati che fino a poco tempo fa non avrebbero permesso di colmare lacune di fisicità che oggi troviamo in pochi atleti del territorio.

Territorio che continua in alcuni casi a non ascoltare le nostre perplessità sulla crescita di un atleta dotato in un gruppo non di pari tecnica. Lo pseudo campioncino che viene tenuto stretto o peggio ancora attirato da sogni di gloria in altre società lontane sappiamo bene che futuro avrà.

A parte queste eccezioni, ringrazio le molte società del territorio che invece collaborano con noi in maniera ottimale per entrambi (non faccio nomi per non dimenticarne qualcuno, ma chi legge sorride perché sa).

Tornando al reclutamento estero vorrei sottolineare che non si tratta di forme di prestito speculativo che durano un anno, ma tutti i ragazzi si sono impegnati per iniziare e finire la formazione italiana in BluOrobica.

Coltivare il talento prevede numerosi aspetti, non solo quello tecnico. Cosa pensi che sia indispensabile per un ragazzo che abbia la volontà di fare della pallacanestro il proprio futuro?

Ne parlo spesso con i genitori coinvolti nel percorso.

Non è un percorso semplice da affrontare anche se l’entusiasmo dei ragazzi fa sì che le colline si trasformino in piccoli dossi da scavalcare.

È un cammino oltre che tecnico, mentale, di grande dispendio e come in ogni competizione qualcuno fatica più degli altri, qualcuno molla il colpo.

Personalmente ritengo che l’impegno mentale sia la parte più difficile e dura da affrontare per atleti così giovani.

Per quanto riguarda la parte tecnica, invece, state investendo per mettere a disposizione dei ragazzi uno STAFF sempre più preparato. Quali sono le qualità che cercate in un istruttore/allenatore?

Sul tecnico la domanda dovrebbe essere fatta al responsabile [Fabrizio Longano n.d.r.], io capisco pochino di basket! ?

Anche qui, comunque, l’approccio mentale è determinante e dev’essere unito alla voglia di imparare ad allenare, perché in BluOrobica si formano anche tecnici.

Un saluto…

Vi mando una cartolina dalla spiaggia. Siamo al 1 luglio e sono già bollito!

Condividi la nostra notizia

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on pinterest
Share on print
Share on email

Ti potrebbe interessare anche